Controllo di gestione in farmacia: il termometro gestionale in 10 domande

Il controllo di gestione in farmacia è un’attività strategica che non può essere demandata al commercialista o alla softwarehouse, ma coinvolge direttamente il processo decisionale del titolare.

Ecco le 10 domande rivolte ad un titolare le cui risposte determinano l’urgenza di adottare un sistema di controllo di gestione in farmacia:

  1. Sono attento ad inserire numeri corretti nel software gestionale? In alternativa, ho un sistema per prendere decisioni razionalmente?
  2. Gli utili che produco me li ritrovo sul conto in banca?
  3. Come calcolo lo stipendio che mi posso pagare?
  4. Rispetto normalmente le scadenze di pagamento dei miei fornitori?
  5. Ho idea in che tempi restituirò il denaro che mi ha permesso di finanziare la mia attività?
  6. So fare una previsione dei miei flussi di cassa per i prossimi sei mesi?
  7. Nel definire i prezzi di vendita, so come impattano sulla redditività della farmacia?
  8. Come posso modificare il punto di pareggio tra costi e ricavi di ciascun reparto?
  9. Tra sconti e offerte, quanto mi costa effettivamente la merce?
  10. A parte il costo della merce, quanto mi costa giornalmente (festivi inclusi) la farmacia?

perché gli utili non incrementano il conto in banca

 

Mettiamoci adesso nei panni di un terzo finanziatore che ha ricevuto dalle risposte alle domande appena espresse un primo feedback, in assenza di un adeguato controllo di gestione in farmacia. Ebbene, chiediamoci onestamente: sulla base delle risposte che mi sono dato, affiderei i miei risparmi ad una persona che gestisce così la farmacia?

 

LEGGI PURE: CONTROLLO DI GESTIONE: COME FARLO FUNZIONARE https://www.giuseppesalvato.it/controllo-di-gestione-come-farlo-funzionare/

È proprio difficile controllare la gestione della farmacia? (nuovidea.it)